Gale Force Nine fa causa a Wizards of the Coast per 1 milione $

Gale Force Nine fa causa a Wizards of the Coast per 1 milione $
(Tempo di lettura: 4 minuti!)

Dagli Stati Uniti arriva la notizia che Gale Force Nine, l’azienda che detiene i diritti per la traduzione e distribuzione dei prodotti di Dungeons & Dragons per il mercato internazionale, ha intentato causa contro Wizards of the Coast per 1 milione di dollari.

Un’azione legale che segue la decisione di WotC, in maggio, di concludere al 31 dicembre 2020 il contratto esclusivo con GF9, un anno in anticipo rispetto a quanto sottoscritto. Le trattative tra le due aziende non hanno portato a un accordo e, come sostiene Gale Force, dal mese di giugno Wizards ha deciso di bloccare l’approvazione dei alcuni prodotti destinati al mercato internazionale, sebbene non presentassero problemi e fossero stati inseriti nel calendario di pubblicazione.

Per questo motivo, Gale Force Nine ha informato la casa editrice di Dungeons & Dragons che questo comportamento corrisponde a una violazione di contratto, a cui WotC non ha ancora posto rimedio.

Dopo dodici anni di lavoro con WotC ci troviamo in una situazione difficile, dovendo utilizzare le vie legali per provare a risolvere un problema che abbiamo cercato di trattare in modo amichevole nel corso degli ultimi sei mesi, ma senza successo.

Speriamo ancora che possa essere risolto tra noi, ma a questo punto siamo stati forzati a procedere in via legale.

Jean-Paul Brisigotti, CEO di Gale Force Nine

Causa a Wizards of the Coast:
Gale Force Nine chiede 1 milione $

Partiamo dal principio: Gale Force Nine e Wizards of the Coast lavorano insieme da ormai dodici anni e hanno stipulato due contratti, tra loro legati. Il primo risale al 2008 e fa riferimento alla produzione e distribuzione del brand Dungeons & Dragons a livello mondiale, mentre l’altro è del 2017 e riguarda la traduzione e distribuzione di prodotti e manuali per i mercati stranieri.

Ogni anno, approssimativamente nel mese di dicembre, le due società stilano insieme un calendario delle pubblicazioni, così le aziende in subappalto (vedi Asmodee) cominciano a lavorare sulle traduzioni, le quali devono ripassare da WotC per l’approvazione definitiva, prima della data di pubblicazione.

Prima del mese di giugno 2020, tutti i prodotti inseriti nel calendario di pubblicazione sono sempre stati approvati da WotC, ma da quella data ha smesso di dare il suo benestare, bloccando la pubblicazione senza fornire motivazioni. Da qui la decisione di GF9 di intentare causa alla casa editrice statunitense, come riportato a inizio articolo.

Wizards, però, ha risposto sostenendo la presenza di tre violazioni contrattuali messe in atto da Gale Force Nine, a causa del comportamento di due aziende in subappalto: la coreana TRPG Club e la francese Black Book Editions. A meno di azioni correttive, il contratto sarebbe stato concluso in anticipo.

Nello specifico, l’azienda coreana sarebbe autrice di traduzioni di bassa qualità e di un mancato servizio al cliente per quanto riguarda i prodotti di Dungeons & Dragons. A questa accusa, GF9 ha risposto che i prodotti in questione sono stati revisionati direttamente dagli esperti di WotC, senza che venissero trovati errori o problemi. Alla proposta di ritirare il materiale dal mercato, Wizards si è opposta ma ha richiesto di non rinnovare il contratto a TRPG Club e così GF9 ha fatto.

Anche per quanto riguarda i problemi di customer service coreano, Gale Force Nine ha messo in atto tutte le soluzioni correttive del caso, quindi procedendo a sostituzioni o rimborsi del materiale danneggiato, che comunque risulta una quantità minima e nella norma con i mercati.

Il caso della casa editrice francese in subappalto è diverso e riguarda i diritti di proprietà intellettuale. Wizards sostiene che Black Book Editions, traduttrice dei manuali di Dungeons & Dragons, abbia utilizzato porzioni del testo tradotto per il proprio brand Heros & Dragons.

In primis, Gale Force Nine ha risposto di avere l’obbligo di assistere WotC solo in caso di azioni legali messe in atto dalla casa editrice statunitense ai danni delle aziende in subappalto, ma questo non è il caso, non essendoci contenziosi aperti.

In ogni modo, Gale Force Nine informa che Black Books Editions ha pubblicato i propri prodotti nel 2016, circa un anno prima dell’uscita dei manuali di D&D 5e e che ha utilizzato linee di testo tradotte dalla open gaming license, quindi un materiale esistente prima della firma del contratto con GF9. L’editore francese è stato accettato da Wizards, che era al corrente anche della presenza di Heros & Dragons sul mercato.

Alla notifica di violazione contrattuale, GF9 ha agito con la volontà di terminare il contratto con Black Books Editions, acquistato tutte le copie di Heros & Dragons a proprie spese e ritirandole dal mercato. Le trattative tra le due parti, però, non si sono completate perché BBE ha rifiutato di firmare un documento, richiesto da WotC, in cui attesta la propria responsabilità nell’utilizzo improprio di materiale D&D.

La separazione definitiva è avvenuta nel maggio 2020, in seguito alla mancanza di pagamento delle royalties e ora GF9 non ha più controllo sulla casa editrice francese e sulla sua presunta violazione di contratto.

Per tutti questi motivi, Gale Force Nine ha aperto un’azione contro Wizards of the Coast per danni stimati in 950 mila $, oltre alle spese legali, e per provare che le violazioni di contratto non sussistono, così da impedire la conclusione prematura del contratto con Wizards of the Coast.

Una battaglia a colpi di botta e risposta tra le due società e a cui, forse, possiamo far risalire i ritardi nelle pubblicazioni dei manuali in uscita in lingua italiana. Al momento, i prodotti che avrebbero dovuto uscire entro la fine del 2020, come la Guida di Volo ai Mostri, il manuale su Eberron e il Gift Set in edizione limitata, sono tutti stati rimandati a data da destinarsi. La palla, ora, passa in mano a Wizards of the Coast per la difesa.

Gale Force Nine fa causa a Wizards of the Coast

Il logo di GdR News

Segui GdR News!

Segui tutti i canali social di GdR News per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie relative ai giochi di ruolo!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*